Dreamcatcher

Negli ultimi anni l'Acchiappasogni (detto anche Dreamchatcher) è diventato un oggetto di moda, da appendere in casa, in auto o da sfoggiare sulla propria pelle con un tatuaggio. Ma da dove nasce la leggenda e qual'è il vero significato di questo oggetto? E' formato dall’unione tra un cerchio di legno “morbido” colorato che simboleggia la vita dalla nascita alla morte, una ragnatela di fili che indicano i sogni ed il loro percorso, file di perle e piume dove le perline simboleggiano la natura che accoglie i sogni positivi e le piume indicano il vento che allontana i sogni negativi. Le sue origini risalgono a molto tempo fa, infatti, è accostato all’epoca in cui vissero gli indigeni nell’America Settentrionale e, più precisamente, ai Cheyenne ed ai Lakota che lo consideravano un oggetto sacro. Questi popoli indiani posizionavano gli acchiappasogni fuori dalle loro tende per far capire ai passanti la professione di chi risiedeva in quella precisa tenda, difatti, ogni acchiappasogni di differenziava dagli altri per l’intreccio o il numero dei fili, il tipo e la quantità delle piume, la disposizione ed il tipo di perline.

 

Ci sono ben due leggende legate alla creazione dell'Acchiappasogni:

 - la leggenda Cheyenne narra che la piccola Nuvola Fresca sognasse spesso un uccello nero che la pungeva col suo becco e la bambina aveva paura di addormentarsi; così la sua mamma, Ultimo Sospiro, le spiegò che erano solo sogni e che l’uccello che lei sognava era lì per proteggerla. Ma la donna fece di più: costruì una “rete magica” n grado di intrappolare i sogni e riconoscere quelli buoni da quelli cattivi e, da quel giorno, ogni culla avrebbe avuto un acchiappasogni. Questo manufatto veniva addirittura regalato alla nascita del bambino e, crescendo, chi lo possedeva poteva decorarlo secondo i suoi gusti ed essere allo stesso tempo protetto durante il sonno fino al risveglio;

 - la leggenda Lakota narra che Iktome, il maestro della saggezza, apparve ad uno stregone su un monte. Le sue sembianze, però, non erano umane, bensì, animali: era infatti un ragno che raccontò allo stregone il cerchio della vita e, mentre parlava, tesseva una ragnatela all’interno di un cerchio con piume e perline. Da qui divenne un oggetto sacro capace di cullare l’uomo nei sogni positivi e proteggerlo da quelli negativi.

All’acchiappasogni era collegato un simbolo: il ragno, grande tessitore di tele, che riprende il percorso di fili all’interno del cerchio. Secondo gli Indiani, difatti, il ragno tesse la tela che permette a Dei e uomini di salire e scendere dal cielo proprio per mezzo dei fili che compongono la ragnatela.

Perché possedere o regalare questo magico oggetto? Per avere un po’ di fortuna e serenità o per augurarla ad altri.

 

In recent years the Dreamcatcher  has become a fashion, to hang in your home, car or splurge on their skin with a tattoo. But where does the legend and what is the true meaning of this item? It is formed from the union of a circle of soft wood colored that symbolizes life from birth to death, a web of wires that indicate dreams and their path, strings of pearls and feathers where the beads symbolize the nature that welcomes positive dreams and feathers indicate the wind drives away bad dreams. Its origins go back a long time ago, in fact, is approached at the time when the natives lived in North America and, more specifically, to the Cheyenne and Lakota who considered it a sacred object. These Indian peoples they positioned the catcher out of their tents to make it clear to passers profession who resided in that precise tent, indeed, any of Dreamcatcher differed from the others in the plot or the number of wires, the type and amount of feathers , the arrangement and type of beads.

There are two legends about the creation dell'Acchiappasogni:

- Cheyenne Legend has it that the little Cloud Fresh dreamed often a black bird that stung with its beak and the girl was afraid to fall asleep; so her mom, Last Gasp, explained that they were only dreams and that the bird that she dreamed was there to protect her. But she did more: he built a "magic net" No to trap dreams and recognize the good ones from the bad ones and, from that day, each cradle would have a dream catcher. This artifact was even given birth to the child, and growing, its holder could decorate it according to his tastes and to be protected at the same time during sleep to wake up;

- Legend Lakota has it that Iktome, the teacher of wisdom, appeared in a wizard on a mountain. His appearance, however, were not human, but animals: it was a spider the sorcerer told the circle of life and, as he spoke, wove a web inside a circle with feathers and beads. From there it became a sacred object that can lull man in positive dreams and protect it from negative.

Dreeamcatcher was connected to a symbol: the spider, the great weaver of paintings, which takes the path of wires inside the circle. According to the Indians, in fact, the spider spinning its web that enables the Gods and men to rise and fall from the sky right through the wires that make up the web.

Why possess or give away this magical object? To have a little luck and serenity or wishing you to others.

 

 

MARTA

Scrivi commento

Commenti: 0